18 Novembre 2019
[associazione sportiva dilettantistica]

blog
percorso: Home > blog

PEDALATA NELLA MACCHIA DELLA MAGONA

LE NOSTRE USCITE AMATORIALI, Anno 2017 - mountain Bike
scritto da Roberto Galeazzi il 20-10-2017 20:14
Nella MACCHIA DELLA MAGONA in MTB (Area Naturale Protetta di Interesse Locale)
Percorso fino al Passo delle Gollazze Aperte (mt 475)
CARTOGRAFIA
E´ possibile reperire la cartografia presso gli Uffici del Parco in località: La California, Via Aurelia n° 33 (di fronte alla tabaccheria), aperti tutto l´anno dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.
La cartina topografica 1 : 10.000 costa solo due euro, è molto bella ma troppo grande da portare in bici, è più adatta per studiare il percorso a casa sul tavolino. Molto più utile sul percorso è la cartina semplificata su una pagina A-4, che è qui allegata in file e che viene regalata presso gli Uffici (era finita in italiano e me l´hanno data in tedesco-inglese, ma è chiarissima).
PERCORSI
La macchia è attraversata da curatissime strade sterrate, dove è vietato il traffico ai veicoli a motore, e che descrivono un anello su quasi tutto il perimetro del parco.
Inoltre sono stati creati molti bei percorsi single track (st), che attraversano il parco in tutte le direzioni, anche questi molto curati (naturalmente più percorribili in sella in discesa). Basti pensare che i sassi più pericolosi sono stati verniciati in arancione, che in alcuni punti sono state create piccole rampe per permettere ai rider più abili di saltare e che tutti i percorsi sono ben segnalati con cartelli.
AMBIENTE
Si parte a livello del mare da una bellissima macchia mediterranea che via via salendo si modifica fino a trasformarsi in maestose faggete nei punti più alti.
Come spesso accade, nella nostra macchia "molto chiusa" cioè fitta, i punti panoramici sull´orizzonte sono pochi, ma sono tutti segnati sulla carta topografica.
Da non perdere il punto panoramico in prossimità del Passo delle Golazze Aperte che è sensazionale!
PUNTO DI PARTENZA
La partenza è dal bel paesino di Bibbona. E´ possibile lasciare l´auto in fondo a Via Salnitro in un´ampio parcheggio sterrato e approfittarne magari per un giretto di 10 minuti, attraverso il piccolo borgo antico, molto pittoresco.
In alternativa, se si ha fretta, si può continuare in auto su via della Camminata EST (SP n°15) oltre il Comune, fino al parcheggio del cimitero meno di 1 Km oltre il paese, e lasciare qui l´auto.
PERCORSO
Consultare la cartina che ho allegato.
1- Percorrere la strada n°5 fino al Passo del Terminino (281 mt), 5 km circa. Strada sterrata larga dal fondo ben curato, che sale senza grossi strappi ma con una discreta pendenza (per lunghi tratti ben oltre il 5%).
2- Strada n° 10 fino a Poggio al Fango (340 mt), uguale alla precedente di 3 Km circa.
3- Continuare sulla strada n°10, facendo attenzione a prendere il bivio a sin che sale da Poggio al Fango (è segnalato) per altri 5 km circa sino a Poggio il Morticino.
4- Proseguire sino alla catena (0,5 km circa) e qui prendere sulla sinistra il sentiero st di 0,3 km in dolce salita che porta al punto panoramico del Passo delle Golazze Aperte. Di qui si gode un panorama unico, con lo sguardo che si perde su fittissimi boschi sconfinati in tutte le direzioni, senza traccia di opere umane.
Verso sud in lontananza, si osserva spuntare su un cucuzzolo appuntito, nel giogo disegnato dai colli più vicini, la rocca di Castiglioncello di Bolgheri, la cui costruzione iniziò nel 780. Tutti i terreni della zona sono recitanti e di proprietà da innumerevoli secoli della famiglia Della Gherardesca. Sulle pendici a mezzogiorno di Castiglioncello, in una pietraia dissodata, a fine anni ´60 sono stati piantati i primi vitigni che producono il Sassicaia (!) e i primi barrique furono
invecchiati nelle cantine della rocca. Un solo giorno l´anno, il 16 di luglio, nella festa del patrono, vengono aperti i cancelli ed è possibile dalla strada Bolgherese Vecchia, accedere su una strada sterrata, a Castelluccio di Bolgheri, subito sotto Castiglioncello, dove il parroco di Castagneto Carducci celebra la messa e poi visitare la rocca dall´esterno
Verso occidente si osserva in lontananza Bibbona e più dietro l´orizzonte marino.
Il sentiero st prosegue ancora verso sud e verso Castigliocello, ma io da qui sono tornato indietro e siamo arrivati anche al bordo della carta topografica.
5- Si ritorna rapidamente sino a Poggio il Morticino, dove inizia un sentiero st in discesa nel bosco di 1,5 km, sino alla località Immaginetta.
6- Di qui la strada n° 12 riporta sino a Poggio al Fango (4 km circa). Sulla carreggiata hanno riportato da poco una quantità enorme di sassi appuntiti di cava e anche se li hanno ben spianati, su di essi le piccole ruote, strette, della mia mitica 26´ affondavano quando la velocità era troppo bassa. Tanto che in qualche punto in lieve salita, sono dovuto scendere. A primavera, quando il fondo si sarà assestato, anche questa strada sarà probabilmente perfetta.
7-Sentiero st n°7 in discesa nel bosco di 4 km circa che arriva alla Casa della Forestale (non è segnato sulla cartina che ho allegato).
8- Di qui una breve strada in discesa, la n°6, che poi alla catena diviene n°9, riporta alla n°5 dalla quale siamo entrati.
Distanza totale: 23 km.
Ascesa totale: 554 mt
Tempo impiegato: 2 ore (di percorrenza effettiva)
Bibbona 18/10/2017


Documenti allegati
Dimensione: 472,79 KB
clicca sul file pdf per verdere la cartina del percorso

IL GRUPPO MTB

[Lucci della Tora gruppo mountain bike livorno]

gli sponsor

[]
[logo msc]
mcs
[]
[]
[]
Edilizia 2000
[buccolini service]
buccolini

Sito realizzato da www.rifranet.com