COPPICENT'ANNI, il campionissimo in 38 immagini
Nel 1940 a vent'anni il Giro rivela un nuovo campione che partito come gregario di Bartali indossa la maglia rosa nella mitica tappa dell'Abetone e non la lascia più
1940, Giro, Coppi ha già fatto capire di che pasta è fatto
1940, Giro, Coppi sulle Dolomiti scortato da Bartali
1940, Giro, Coppi in rosa col mitico direttore sportivo della Legnano, Pavesi
1940, Coppi posa col simbolo del primato ... lo sguardo è ancora quello del corridore inesperto
1940, Coppi e il suo scopritore, il massaggiatore cieco Biagio Cavanna. Probabile che la foto sia stata scattata al Vigorelli in occasione dei campionati italiani di inseguimento vinti da Coppi battendo il livornese Bizzi, campione uscente
1942, 7 novembre, al Vigorelli Coppi, fra un bombardamento e l'altro, strappa il record dell'ora al francese Archambaud
questa foto non è datata ma è probabile che si riferisca all'immediato dopo guerra
1947, seconda vittoria al Giro questa volta con la Bianchi. Da sinistra il forte Vicini, il velocista laziale Leoni, il gregario di una vita Carrea, Casola, Fausto col fratello Serse e Servadei
il trionfo al Vigorelli nel Giro 1947
1948, Coppi al velodromo di Torino, in quel Giro la Bianchi si ritirerà a due tappe dal termine dopo le spinte dei tifosi alla maglia rosa Magni
senza commento
1948 una aspirante miss Italia pedala accanto al campionissimo
foto "colorata" sicuramente in modo posticcio che mostra Coppi nel pieno di uno dei suoi micidiali attacchi
1949, Tour, Coppi precede Bartali
1949, Tour, Coppi ha appena fatto la doppietta Giro-Tour e festeggia con tutta la squadra italiana, Bartali compreso
Coppi e il campione francese Louison Bobet, tre volte vincitore del Tour, erano molto amici
Coppi con Binda, ex grande campione e direttore sportivo della nazionale italiana al Tour
1949, Fausto col fratello Serse che perirà a causa di un incidente di corsa nel 1951
coppi si allena, si noti come la tenuta da allenamento era in quegli anni molto diversa da quella da gara
coppi in maglia azzurra
Coppi fra i suoi tifosi, grandi e piccoli
Coppi ha vinto cinque volte il Lombardia, qui alla Madonna del Ghisallo
1952, Coppi, in giallo, fa la seconda doppietta Giro-Tour
1952, Coppi all'attacco sull'Alpe d'Huez, lo segue il francese Robic
1954, Coppi in maglia di campione del mondo su strada esulta sotto gli occhi di Giulia Occhini, la "dama bianca"
1954, Coppi ad una kermesse
1954, Coppi guida il gruppo seguito dal fortissimo svizzero Hugo Koblet, primo straniero a vincere un Giro
1954, Coppi vince la tappa di Davos del Giro di Svizzera
1955, Coppi alla Parigi Roubaix che aveva vinto nel 1950
Coppi guarda divertito una scimmietta; le piccole scimmie in quegli anni erano molto diffuse e non solo nei circhi
1955, Giro, Coppi soffre, il lento declino è cominciato
1956 Coppi lascia la Bianchi e passa alla Carpano
1956, Coppi con il giovane Filippi arriva terzo al Trofeo Baracchi, cronometro a coppie
1956, Coppi mentre si ritira dal Giro
1959, l'ultima maglia di Coppi, quella della Tricofilina, è probabile che questa foto sia stata scattata alla Vuelta dove si ritira
1960 Giulia, la dama bianca, abbraccia per l'ultima volta Fausto