I lucci della Tora gruppo Offf Road u.s. Vicarello 1919
20 Maggio 2018

associazione sportiva dilettantistica

PANTANISSIMA 2016, dai nostri inviati speciali!

06-09-2016 17:40 - dettaglio delle uscite
E´ stata una bellissima giornata all´insegna dell´amore per il Pirata Marco Pantani quella in cui si è disputata la Gran Fondo Pantanissima 2016 a Cesenatico il giorno 04 di questo mese.
Franco Marrucci e Maurizio Zicanu erano gli alfieri dell´Unione Sportiva Vicarello.

RESOCONTO di Franco Marrucci che ha corso la Gran Fondo di 160 Km con un percorso duro e selettivo.
Partenza alle 8,00 da Cesenatico, Il concentramento era alle ore 7,00.
In quest´ora vari personaggi come Davide De Zan , Marco Velo, Fabiano Fontanelli , Davide Cassani hanno voluto rendere omaggio al grande Marco Pantani ripercorrendo aspetti dei suoi trionfi che tanto hanno esaltato gli sportivi italiani.
Tonina e Paolo Pantani , genitori di Marco, hanno presenziato al via dato dal Sindaco di Cesenatico alle 8,00 in punto.
Pochi anziani come noi anche se giovani di spirito
Molti trentenni e quarantenni per cui via subito a 45 orari.
Sulla salita di Montevecchio prima selezione.
La salita , al 14 per cento, è stata micidiale.
I piu´ forti se ne sono andati.
In vetta alla prima salita foto di rito al cippo con l´immagine di Marco Pantani che ci guardava tutti compiaciuto.
Primo ristoro dove abbiamo fatto incetta di liquidi e zuccheri.
Personalmente ero incazzato nero perchè ci eravamo divisi tra lungo e corto e pertanto ho dovuto sobbarcarmi parte del percorso in solitudine fino al secondo rifornimento situato sul percorso lungo.
Ho tirato come un dannato per la rabbia che avevo in corpo tanto che gli atleti dietro tra cui Bruno Conti hanno perso le ruote e non li ho piu´ visti all´orizzonte.
Al secondo rifornimento ho trovato un gruppetto che faceva il percorso lungo e insieme a loro abbiamo affrontato il Passo del Carnaio , salita durissima dove le pendenze erano del 10/12 per cento con punte del 14 .
Siamo rimasti in due io e Sandro Cicero, un libero professionista di Forli, persona squisita per gentilezza e simpatia.
Insieme abbiamo scollinato e in discesa abbiamo raggiunto la deviazione per l´ultima grande salita in programma ovvero Montevecchio dal versante piu´ duro.
Salita cartellonata al 14 per cento senza un attimo di respiro.
Sandro purtroppo ci ha lasciato le gambe nel senso che arrivato in cima era in debito di forze.
In vetta a Montevecchio abbiamo trovato l´ultimo ristoro dove abbiamo mangiato una banana e bevuto tantissimo .
La salita, fatta dopo 130 km, con due asperità importanti fatte prima, è stata davvero micidiale.
Nella discesa verso Cesenatico ho incoraggiato il mio compagno che ha tenuto duro e insieme siamo arrivati allo Stadio di Cesenatico dove, dopo un giro di pista, abbiamo tagliato il traguardo fra gli applausi.
Subito dopo il traguardo la foto di rito con gli occhi e le mani verso il cielo in memoria di Marco Pantani perchè per me la cosa piu´ importante era correre per lui.
Come al Ventoux cosi è stato a Cesenatico, a casa sua.
In memoria di Marco Pantanni !!
Tonina Pantani mi ha abbracciato e insieme abbiamo voluto fare la foto.
Una giornata indimenticabile all´insegna dell´amore per il Pirata la cui magia ha pervaso l´aria di questa stupenda Gran Fondo.
Dopo la doccia, fatta allo stadio, subito e in perfetta tranquillità, "Pasta Party" e frutta e gelato per ripristinare le energie .
Grazie a tutto Staff della Pantanissima veramente esemplare e perfettamente organizzato.

RESOCONTO DI Maurizio Zicanu che ha fatto il corto, teoricamente di 110 km ...
Me la sono presa calma anche perché, privo (per scelta) di chip, mi sono avviato abbondantemente prima della partenza ufficiale. La cartellonistica perfetta mi ha aiutato a percorrere i primi 20 km in tutta tranquillità tra gli sguardi un po´ sorpresi degli addetti al controllo dei bivi più trafficati che vedevano transitare un tizio con il "numero" quando, giustamente, pensavano che la manifestazione non fosse neppure iniziata. Arrivato alle porte di Cesena ero talmente rilassato e contento che ... non ho visto il cartello della deviazione ... così poco dopo mi sono reso conto che c´era qualcosa che non andava. "Mi sa che ti sei perso!" mi ha detto in perfetto romagnolo un cicloamatore che mi ha visto con lo sguardo perso nel vuoto ... Rapido dietro front ... ritorno sui miei passi vedo il cartello che mi era sfuggito e rientro nel percorso regolamentare. Inizio la salita che mi porterà per la prima volta a Montevecchio. Salita durina però intervallata da falsopiani e anche discese che la rendono abbastanza pedalabile. A Montevecchio c´è il monumento a Pantani. Quando arrivo gli addetti stanno preparando il punto ristoro. Per decenza non mi fermo. La discesa fa veramente schifo, nel senso che l´asfalto avrebbe bisogno di essere urgentemente rifatto. A questo punto incontro un cicloamatore di Como che mi accompagnerà nella prima parte della girata. E´ un tipo simpatico, viene in vacanza da queste parti, ama più la MTB che la bicicletta da strada ma per l´occasione ha preferito inforcare la specialissima per fare la Pantanissima. Pedaliamo disinvoltamente fino a Mercato Saraceno; l´andatura è ampiamente cicloturistica, più vicina ai 30 che ai 35 anche quando incontriamo quello che penso essere un professionista visto alla TV, con la sua livrea di una equipe francese, il fisico asciutto, le gambe rasate. Arrivati a Mercato Saraceno la polstrada ci avvisa che stanno arrivando i primi corridori della Granfondo. Ci aspettiamo di essere superati da un momento all´altro e tutti presi dall´avvenimento non vediamo la deviazione per il percorso corto ... Il gruppetto dei primi ci passa a tripla velocità ... saranno una decina, non di più. Con il mio amico comasco proseguiamo ma dopo qualche km veniamo presi dal dubbio atroce di aver sbagliato strada ... Ci fermiamo a chiedere ad un addetto alla sicurezza ... che ci conferma la ferale notizia: il bivio era una decina di km prima. L´amico comasco mi dice chiaro e tondo che lui la lunga non è in grado di farla ... io, per la verità, rimango un po´ nel dubbio ma poi decido di tornare indietro. A Mercato Saraceno ci reimmettiamo nel percorso breve. Siamo sulla salita della Ciola, 8 km pedalabili per quelli della nostra zona: una Valle Benedetta un po´ più lunga. Recuperiamo un gruppettino che va su tranquillo; ci sono anche un paio di ragazze. La salita è lunga e per passare il tempo facciamo conoscenza ... una impiegata di Bologna, un avvocato di Assisi, un cicloamatore di Latina, una romagnola alla sua nona Pantanissima, una coppia di Lugo ... La salita finisce e mi fermo al ristoro, solo idrico. Riempio la borraccia, mi accorgo di aver "perso" l´amico comasco. Dalla cronotabella mi rendo conto che i due errori di strada mi sono "costati" 19 km in più. Bella boccia! La discesa è abbastanza tecnica ma l´asfalto, questa volta, è in ottime condizioni e non mi crea problemi. Al termine della discesa si forma un gruppettino ben assortito: assieme all´avvocato - che mi dice: "ora a tutta d´accordo!" - c´è un bianconero del luogo e uno che, almeno dalla maglia, sembrerebbe di Taranto. Ad un certo punto si aggiungono altri fra cui un paio vestiti di nero alla moda Sky. Qui, anche grazie al falsopiano in discesa, andiamo fortino. Mangio e mi faccio anche un "ciucciotto". Mi sembra di essere un corridore "vero". Sto bene anche se so che il peggio deve ancora arrivare. Superato il paese di Borrello inizia la salita di Montevecchio: in pratica si fa in salita la stradaccia che avevamo fatto in discesa. Ho letto che la prima parte è terrificante: 1,5 km al 15% di pendenza media. Tanto per non sbagliare metto subito il 34x28. Male che vada, penso, scendo. E invece la salita, pur durissima, non mi vede in affanno. Vado su regolare assieme ad un ragazzo molto più giovane di me che indossa una livrea gialla. Il gruppetto si è sgretolato. In cima alla salita (GPM) trovo il ristoro; mi fermo per bere un integratore. A questo punto è fatta anche se mancano ancora 38 km all´arrivo. Il mangia e bevi che ci divide dai 20 km pianeggianti finali lo faccio assieme all´avvocato che però in discesa mi molla. Gli ultimi km sono abbastanza noiosi: fa caldo (alla fine il mio ciclo computer segnerà anche 37°) e io, porca miseria, sono rimasto senz´acqua. Arrivo a Cesenatico assieme ad un tizio colto dai crampi. Quando supero la fatidica linea del "traguardo" sento lo speaker ufficiale che fa: "Ed ecco arrivare un gruppetto dell´US Vicarello, salutiamo questi ragazzi che hanno terminato la loro fatica". Mi giro. Sono solo. Dovrà avrà visto il gruppetto dell´US Vicarello ... boh ... forse sono io che ho le traveggole! Comunque bell´esperienza, bel percorso, bel ricordo da raccontare, fra qualche anno, ai nipotini ... "Anch´io ho fatto la Pantanissima!".
Per le statistiche: chilometri percorsi: 129, dislivello complessivo: 1694 metri, errori di strada: 2 ...
Bruno Conti 08-09-2016
Richiesta rettifica
Ciao Franco devo risponderti con vena polemica. Dato che ero iscritto anche io come socio della USV Vicarello...ma non mi interessa che tu lo riporti ma non mi piace che tu stravolga le cose descrivendole in maniera distorta. Non è affatto vero che sei rimasto da solo e che Bruno Conti ha perso le tue ruote,dato che ti ho raggiunto prima della sommità di Montevecchio ed io stesso ti ho indicato il monumento a Pantani che neanche avevi visto e prova ne è la foto che ho pubblicato assieme su FBK Siamo scesi assieme e da fedele compagno ti ho spettato nella discesa perdendo tempo ma ti ho aspettato..sapevi poi che avrei fatto la Mediofondo quindi dì le cose come stanno.Anzi ero molto preoccupato x te perchè non ti vedevo il solito Franco.... riguardo a Maurizio ti spiego l'arcano dell'arrivo...tu sei arrivato senza microchip pochi attimi prima di me e lo speaker annunziando il tuo arrivo vedendo la maglia USV1919 ha associato il mio pettorale 608...difatti ci siamo visti subito dopo all'arrivo.... se non avete la lucidità necessaria non scrivete cose non vere....perchè le persone leggono ma devono leggere la verità.Contento di aver chiuso con la USV1919. Amici come prima ma la verità deve essere detta. Bruno Conti
maurizio 09-09-2016
... spiegato l'arcano
caro Bruno, ora ho capito: lo speaker aveva visto il chip tuo e la maglia mia .. non avevo le travveggole ... ma non ti arrabbiare: io certe particolarietà delle granfondo non le conosco ciao
Paolo 09-09-2016
Tradizione
Caro Maurizio, ti ricordo che eravamo famosi per esseri lenti in salita...ma peggio in dicesa!. Ora, quando ho letto che in discesa il collega (mio) di Como "mi molla", mi è venuto un brivido. Voglio sperare che nel rispetto della tradizione sia stato lui ha staccarti in discesa e non il contrario!.
Paolo 09-09-2016
a senz'acca
...Voglio sperare che nel rispetto della tradizione sia stato lui a staccarti...
maurizio 10-09-2016
... avvocato simpatico
Paolo, tranquillo, io sono un ciclista completo e vado piano in salita, sul piano ma anche in discesa ... e questa è classe pura; comunque l'avvocato di Assisi che magari mi legge e che saluto mi ha mollato sul mangia e bevi che ha preceduto l'ultima discesa ... poi non l'ho più visto fino allo stadio di Cesenatico





Entra
nel mondo delle
RUOTE GRASSE

[lucci della tora gruppo mountain bike livorno]

LA PAGINA DEDICATA AL MONDO "OFF ROAD"
del Gruppo "Unione Sportiva Vicarello"

Recensioni

[]
invia ad un amico[stampa] [facebook]
[ continua ]

I nostri sostenitori

[]
[]
Cappellini
[logo msc]
mcs
[buccolini service]
buccolini
[]
Edilizia 2000
[]

Sito realizzato da www.rifranet.com
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le
informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in
relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di
quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei
dati personali), in particolare dagli art. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti
informazioni:
Per poter entrare a far parte della comunità on-line di WWW.USV1919.IT e accedere ad alcuni
servizi ( richieste di registrazione, forum, bacheca, comunicati privati, newsletter ) è necessario
effettuare la registrazione al sito (www.usv1919.it). Durante la registrazione all´utente sono richiesti
dati personali.
I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di
protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.
FINALITA´ DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare
informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti. Idati di nascita degli iscritti servono per
evidenziare i compleanni degli stessi. I dati dei certificati medici servono per gestire le scadenze
degli stessi. Gli indirizzi di posta elettronica servono per comunicare con gli iscritti.
DIRITTI DELL´INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l´utente ha il diritto di ottenere:
- l´aggiornamento, la rettifica e l´integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di
legge,
- l´interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati
personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale
pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione
commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro
comunicazione in forma intelligibile;
- l´indicazione dell´origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica
applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici, degli estremi
identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati
possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o
incaricati;
MODALITA´ DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del
trattamento in termini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o
successivamente trattati;
- È prevista l´adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati
personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri
indirizzi mailto:info@usv1919.it. I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per
comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l´identificazione dell´interessato per un periodo di tempo non
superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server RIFRA srl o di suoi fornitori utilizzati per la gestione di
tale servizio , oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con
strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario
per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet
MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle
conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche
caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l´adozione di idonee e
preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di
accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.
NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI
RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché,
in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitarLe una risposta. Gli ulteriori
dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di
ottenere risposta da parte nostra.
Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1042761 ). Questo riportato è l´indirizzo
controllato in data 28/11/2008 se successivamente variato, non è di nostra competenza, ti
consigliamo di cercare sul sito del Garante della Privacy e/o sul sito della Guardia di Finanza.
Titolare del trattamento di dati personali è A.S.D. UNIONE SPORTIVA VICARELLO 1919- P.ZZA M. MACCHI 2 - 57014 VICARELLO (LI)
Responsabile Dal Canto Stefano
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio